Che cosa sono i Derivati?

Che cosa sono in derivati?

Spesso quando si parla di CFD (contract for difference) si sente parlare di derivati, ma cos’è esattamente un derivato?

Un derivato è uno strumento finanziario di nascita piuttosto recente (primi anni 90) che fa riferimento ad un titolo sottostante reale, al quale è legato direttamente, seguendone le fluttuazioni del prezzo.

Il loro valore è un quindi appunto “derivato” dal valore del titolo finanziario sottostante, su cui sono basati.

Alcuni esempi di derivati possono essere:

  • Materie prime
  • Titoli azionari
  • Indici finanziari
  • Valute monetarie
  • Tassi d’interesse
  • Criptovalute

Esistono derivati praticamente su qualsiasi cosa, ad esempio possono anche esserci dei derivati riguardanti la quantità di acqua caduta in una determinata zona.

Molto importante: possedere un derivato non significa possedere il sottostante.
Se ad esempio possedete dei derivati sull’oro, non possedete dell’oro fisico, ma solo il contratto derivato e il suo relativo valore.

 

*** APRI QUI UN CONTO DEMO DI TRADING ONLINE E TESTA LE TUE CONOSCENZE ***


Perché sono nati i derivati?

Sono inizialmente nati come assicurazione contro le eccessive fluttuazioni del mercato, sono poi però stati fortemente utilizzati dai grossi gruppi finanziari per speculare sui mercati in modo molto aggressivo, causando spesso anche grosse ripercussioni sui mercati reali.

Questo è possibile perché i derivati vengono operati in dei mercato diversi da quelli ufficialmente riconosciuti, questi mercati vengono comunemente detti Mercati Over The Counter (OTC) e hanno la particolarità di operare al di fuori delle regolamentazioni ufficiali, in quanto operano in assenza di un controllo delle istituzioni ufficiali.

 

Esempio di utilizzo dei derivati: i features

Se lavorate molto con l’estero e con mercati che in generale utilizzano una valuta diversa dalla vostra, potrebbe succedere che un lavoro che iniziate oggi vi venga pagato tra 1 anno e con la valuta del mercato del cliente (supponiamo di lavorare in un azienda Italiana e e di operare con un azienda Giapponese).

In un anno il rapporto tra Euro e Yen può variare notevolmente  (come infatti è successo molte volte negli ultimi anni) portando ad un rischio di perdita della marginalità del contratto stipulato e lavorato.

Ad esempio, se un contratto mi porta a guadagnare 100, ma con una marginalità di guadagno pari al 20% e dei costi di lavorazione pari all’80% del valore del contratto, le fluttuazioni di mercato del valore del cambio sono un rischio troppo elevato, che in caso di perdita di valore mi potrebbero portare ad una fortissima perdita economica.

Proprio per evitare queste situazioni vengono stipulati dei contratti basati sui features (i features sono dei derivati che utilizzano come sottostante i titoli valutari) che fungono da assicurazione per coprire queste tipologie di fluttuazioni.

Ossia in questo caso il feature è una sorta di assicurazione stipulata tra le parti che permette alle 2 aziende di trovare un accordo economico che tenga anche conto delle fluttuazioni delle rispettive valute in modo che al momento del pagamento l’azienda Italiana possa riceve un pagamento in Yen pari al contratto iniziale più una differenza dovuta alla fluttuazione delle 2 valute, evitando un forte rischio imprenditoriale ed economico ad entrambe la parti coinvolte.

Leggi anche la guida con i consigli sul trading con i derivati

Pronto per iniziare a fare Trading Online? Ecco un conto demo per partire in sicurezza

Testa le tue capacità, apri ora un CONTO DEMO

Il tuo capitale è a rischio, ricorda di consultare termini e condizioni dell'offerta

Che ne pensi? Lascia la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *